Finanziamenti a fondo perduto: cosa sono ed a cosa servono


Talvolta è possibile ottenere una somma di denaro attraverso i finanziamenti a fondo perduto che, in concreto, sono delle concessioni di credito che non dovranno essere restituite al soggetto che le eroga. A differenza, per esempio, del mutuo stipulato per l’acquisto di una casa o di un prestito per avviare un’attività, in questo caso chi accede al credito ha meno problemi per il futuro perché gli viene erogato un finanziamento fondamentalmente per uno scopo ben preciso, sovente di natura sociale o economica.

Finanziamenti a fondo perduto

Per poter accedere a queste forme di agevolazioni bisogna prima di tutto possedere dei requisiti specifici, ed infatti questi prodotti sono rivolti in genere a delle categorie di utenti particolari quali: imprenditoria femminile, aziende giovani, start up, aziende operanti in determinati settori ritenuti strategici per la stessa economia (istruzione, turismo, agricoltura e nuove tecnologie). Questi prestiti, di difficile accesso, in genere vengono erogati mediante dei finanziamenti europei, oppure vengono direttamente gestiti dallo stato o dalle singole regioni italiane, e per avere accesso a queste tipologie di credito è necessario rispettare le modalità di richiesta ed i requisiti che vanno a connotare la categoria di utenti verso cui si rivolgono i finanziamenti.


Tra le forme di finanziamenti che fanno parte della tipologia a fondo perduto, quelli europei sono i più conosciuti ma si tratta comunque di prodotti di difficile acquisizione dal momento che a livello burocratico richiedono un percorso specifico da seguire. Per accedere a questi tipi di finanziamento vengono istituiti periodicamente dei bandi di cui prendere visione sul sito dell’Unione europea oppure presso gli uffici della propria regione.

Un tipo particolare di finanziamenti a fondo perduto sono quelli erogati dallo stato: i prestiti statali a fondo perduto sono anch’essi indirizzati a particolari soggetti in possesso di requisiti specifici. Di solito queste forme di credito sono destinate a disoccupati oppure all’imprenditoria giovanile o femminile, anche in questo caso le modalità di accesso avvengono tramite l’istituzione di periodici bandi ad hoc con lo scopo di incentivare l’economia e le imprese in fase di avvio.

Un’altra tipologia di  prestito agevolato a fondo perduto è nelle mani delle singole regioni che hanno l’onere di gestire una fetta considerevole dei fondi europei; anche questi prodotti vengono proposti con dei bandi di concorso che permettono di accedere ad una selezione nel rispetto dei requisiti richiesti per potervi accedere. Anche in tal caso i possibili destinatari del credito devono operare in settori decisivi dell’economia quali: il settore dell’innovazione, l’ambito della ricerca e dello sviluppo, l’agricoltura giovanile, le attività imprenditoriali avviate da donne.